Sarà una settimana di molto zucchero, di troppo zucchero…  uno di quei contrappassi che ti cadono addosso tra capo e collo come un male di stagione.

In questa cucina da qualche tempo lo zucchero lo viviamo con un certo senso di colpa. Merito (o colpa?) della dieta ferrea del Fotografo che, proprio come succede ai fumatori incalliti che smettono di fumare, quando ha smesso lo zucchero (e i grassi saturi, le carni rosse, i latticini, le farine ecc ecc) è diventato mooltoo intransigente.
Ma la vita è la vita, con una bimba di (quasi) cinque anni che vive il suo giugno, mese lastricato di zucchero e di feste di fine anno. E il sabato passato ha segnato l’inizio di questa fase, con la prima grande festa della scuola con paella popolare, swing dal vivo, un sole meraviglioso e i dolci delle mamme…

A noi, per delle ragioni che forse un giorno spiegheremo, sono toccate in sorte caramelle, marshmallows per la precisione, in tre diversi sapori e in eguale overdose di zucchero: fragole pallide, barbabietola/lamponi e tè verde, il gusto che io personalmente preferisco…

La ricetta:
300 ml di acqua
350 g di zucchero
25 g di gelatina in polvere
20 g di amido di mais
4 cucchiini di tè matcha

+ 60 g di amido di masi e 60 g di zucchero a velo setacciati insieme
olio di semi per ungere lo stampo

Prima di cominciare setacciate lo zucchero a velo insieme all’amido di mais e a un cucchiaino di té matcha, otterrete in questo modo una sorta di “polvere magica” che vi permetterà di lavorare con tranquillità i marshmellows in tutte le diverse fasi, senza rischiare di rimanerci incollati con le dita. Conservate da parte. Mescolate in 100 ml di acqua tiepida un cucchiaino di tè matcha, unite quindi la gelatina e mescolate bene per evitare che si formino grumi. Conservate da parte. In un pentolino dai bordi alti mescolate i 200 ml restanti di acqua con  lo zucchero e mettete sul fuoco. Quando quest’ultimo si sarà sciolto inserite il termometro e verificate di raggiungere i 118°C, quindi spegnete e unite fuori dal fuoco 20 g di amido di mais e un secondo cucchiaino di tè matcha. Amalgamate bene.Nella ciotola della planetaria lavorate a bassa velocità la gelatina (con il tè matcha precedentemente incorporato) per un paio di minuti, aumentate quindi la velocità e versate a filo nella ciotola lo sciroppo di zucchero. Fate andare a massima velocità per circa 10 minuti.
Foderate con pellicola alimentare una terrinetta di circa 28 cm x18 cm, oliatela leggermente quindi cospargetela abbondantemente di “polvere magica” (il composto amido/zucchero a velo), in questo modo eviterete che i marshmellows non si incollino alle pareti dello stampo. Versate ora il composto nella terrinettta, livellatelo con una spatola e quindi spolverizzate ancora con la polvere magica. Sigillate bene e conservate in frigorifero per circa 8-10 ore. Trascorso il tempo di riposo cospargete il piano di lavoro di “polvere magica” e rovesciateci sopra il composto di marshmellows ormai ben solidificato. Con l’aiuto di un coltello a lama larga che avrete cosparso del solito composto tagliate le vostre caramelle. Passatele un’ultima volta in una ciotola con un poco di polvere magica, quindi in un colino largo per eliminarne l’eccesso. Conservate come sempre in sacchetti o in contenitori perfettamente ermetici, possibilmente in frigorifero.

Write A Comment

Pin It