Semi di lino dorato, acqua di cocco, olio di lavanda e acqua di rosa: praticamente la ricetta della felicità. Ma prima che proviate a berne un sorso per sapere che sapore ha tocca dire che non si beve e no si mangia (per quanto…)

Ammetto da sola che la faccenda rischia un poco di prendere la mano e far perdere la testa. Dopo il brodo di gusci per le piante (a proposito ho scoperto con una ricerca in inglese che l’egg shell broth c’è pure qualche umano che se lo mangia…), la mania dell’autoproduzione contagia terreni pericolosissimi:

vuoi mettere farti in casa il tonico per il viso?

La ricetta (sì, sì la ricetta) l’ho presa dalla rivista gratuita del supermercato bio sottocasa (e questo già la direbbe lunga…) ma ciò che ha reso proprio impossibile il resistere è stato il fatto che magicamente avevo tutti gli ingredienti a casa. Tutti o quasi diciamo, insomma la metà, e l’altra metà sapevo dove procurarmela con facilità.

La formula (che forse suona meglio) è di Mamita Botanical, una marca di cosmetica naturale piuttosto alternativa e tremendamente seduttiva. Io l’ho semplicemente tradotta e un poco adattata in alcuni passaggi che non mi erano sembrati chiarissimi (colpa delle abitudini in cucina, immagino…)

100 g di acqua di rosa
2 cucchiai di semi di lino dorato
2 gocce di olio essenziale di lavanda
acqua di cocco

Nel contenitore che userete per conservare il tonico versate i 100 g di acqua di rose e fate una tacca per ricordarvi più o meno dove arriva (la cosa più pratica è usare lo scotch di carta su cui poi è meglio scrivere di cosa si tratta per evitare guai…). Fatto questo trasferite l’acqua di rose in un pentolino con i semi di lino, mescolate bene e fate scaldare a bagnomaria senza che diventi mai caldo da non poterlo toccare, appena inizia a formarsi la mucillaggine tipica dei semi di lino spegnete. Colate il tutto attraverso una garza e rimettete nel contenitore iniziate, colmate fino al segno con acqua di cocco e unte le due gocce di olio essenziale di lavanda.
Conservate in frigorifero per 15 giorni e usate due volte al giorno prima della crema.

Write A Comment

Pin It