Sprizza puzza
(traduzione molto approssimativa dalla lingua ladina, vedi:http://www.puzzonedimoena.com/),
vale a dire puzzone
e in effetti… l’odore è forte e inconfondibile, anche se (dipende dai gusti) si potrebbe persino arrivare a dire che profuma: di formaggio stagionato e di alpeggio, visto che in Val di Fassa e Fiemme, dove lo producono, le mucche le portano a passeggio tra i 1000 e i 2000 metri.
Ci abbiamo fatto un clafoutis, salato evidentemente, con le zucchine (piccole piccole) e i i relativi fiori usati per decoro e non solo..

Ingredienti (x 3 persone)
200 g di Puzzone di Moena (o Spretz Tzaorì)
6 zucchine piccole (circa 250 g)
15 fiori di zucca(ina) (circa 135 g)
2 cipollotti freschi
3 uova
200 ml di panna liquida
90 g di farina
olio extravergine d’oliva
curry (poco e facoltativo)

Affettare sottili i cipollotti e rosolarli in una padella antiaderente con poca acqua,  nel frattempo tagliare a rondelline sottili le zucchine e aggiungerle alla cipolla assieme a due cucchiai di olio extravergine d’oliva, salare leggermente, alzare la fiamma e saltare velocemente. Versare le verdure sul fondo di tre pirofiline da forno.
Sbattere le uova con la farina, aggiungere la panna e infine 180 g di Puzzone grattugiato. Versare la pastella sopra le zucchine, senza mescolare. 
Farcire i fiori di zucca curati (lavati, privati del pistillo e incisi a croce sul fondo) con un pezzettino di Puzzone di Moena e poco curry e disporli sulla pastella nelle tre pirofiline (infossandoli un poco).
Infornare in forno già caldo e cuocere a fuoco medio per circa una mezzora. 

maite e anna

 

 

 

2 Comments

  1. Pingback: clafoutis di prugne e cannella | Il blog di altreidee.info

Write A Comment

Pin It