Questa volta le parole le vorremmo lasciare un po’ da parte se non per dire un grande grazie a tutti quanti per essere venuti con i loro cestini, per aver accettato di lasciare le scarpe dietro la porta e di passeggiare a piedi nudi non nel parco (ahimè, tempo infamone…) ma sul parquet tra le tovaglie e le coperte.
Le foto qui sotto danno un assaggio (a dire il vero piccolo) del tempo, del prima e del durante, dei bambini avvitati su e giù per la scala, dell’ortica sospesa, delle zucchine volanti, delle meline secche della Fausta e di quelle un po’ più pesanti (sempre della Fausta), della torta di brie (poteva mancare?), del cake alle olive (anche lui poteva non esserci?).
Restano fuori fuoco le parole, le peonie, la frangipane di Comida, le quiche di Zucchero d’uva, le caramelle in orbita, il tabulé freschissimo di Azabel, le lasagnette di Ilaria e Luca, la torta di tagliatelle di Cat e Bea (quante volte avete spiegato le origini mantovane?), il packaging da sindrome di Stendhal delle torte di Micaela, la quantità sconsiderata di architetti presenti, l’accento delizioso e minuto di Sara, i formaggi da urlo e di capra della signora Scottini (ma di questo ne riparliamo), la dolcezza di Giuditta e Damiano, la ragazza con l’orecchino e la citazione di Marat, l’entusiasmo un po’ sorpreso di Cris, le castraure di Lucilla, la timidezza sbarazzina di Roberta, gli occhi-ali da gatta di Stefania, l’ironia fisica di Marco, le scarpe dietro la porta prima a due a due poi proprio a mucchi, e un miliardo ma proprio un miliardo di altre cose… quindi un po’ di pazienza, quel che non si vede si deve immaginare, del resto anche i fotografi devono, qualche volta, pur mangiare…

il prima…

il quasi prima…

qualche “mentre”…

i bambini avvitati sù e giù per la scala, giù e sù per la scala (tante, ma tante volte!)…

e poi qualche foto ricordo…

maite, marie e il fotografo

35 Comments

  1. Molto, molto di più di quanto fosse già nel mio immaginario. Dite che replicate a Roma? Mumble, mumble, mumble …

  2. siete sempre così speciali! E l’occhio del fotografo riesce sempre a rapire la magia dei momenti e degli sguardi, vuol dire che torna di brie e cake alle olive non obnubilano, anzi :))

    Magari poter venire a Roma!

  3. Meraviglioso semplicemente meraviglioso!
    Immagini che parlano da sole,la casa è uno spettacolo,insomma davvero un peccato non averla vissuta questa giornata!

  4. soffro di una rodentissima invidissimaaaaa… peccato non esserci, alla faccia del tempo mi sembra sia stata una luminosissima giornata!

  5. francesco da novara Reply

    ..smisurata tristezza per non essere stato lì..

  6. parafrasando mia nipote, che commentava il suo qunto compleanno: “questa sì che è una festa!”

  7. WOW! Complimentissssssimi! Che pic nic meraviglioso, anche senza il sole! Un bacione!

  8. che immensa tristezza, essere stata così vicina e non essere riuscita a venire :(

  9. Una poesia di sapori, immagini, parole dette e sussurrate, un incanto!Bravi, bravi ed ancora bravi.

  10. semplicemente cool! avrei voluto esserci!!!! Maite, sei tu con l’abito verde????

  11. Che super meraviglia! Trabocco di ammirazione!
    Ma a dire il vero, conoscendo il vostro stile, aspettavo solo di sapere con quali nuove meravigliose idee ci avreste deliziato.
    Siete. dei. grandi.
    Un abbraccio, Roberta

  12. Que bonito picnic…se nota que la felicidad fluye en el ambiente!

  13. arrivo solo ora qui e dico solo che sembra un luogo sospeso in una qualche dimensione lontana e bellissima, complimenti veramente!!! marta, la figlia di comida è cresciutissima e stupenda!!!
    quelle mele secche poi… da prenderne una!!!!

  14. Le foto sono stupende e rendono giustizia ad una giornata altrettanto bella!

  15. sembra l’immagine della felicità-tutti-assieme.
    bello, già tantissimo così da dietro uno schermetto.
    baci

  16. maite Reply

    grazie davvero a tutti, e sì Elena… confermo ed aggiungo anche che è veramente bella e serena
    PS @m: confermo pure le tue supposizioni, ma shh…
    PSS al più presto la data e il tema del pic nic romano

  17. prima che mi dimentichi: abbiamo un matrimonio il 12 giugno

    ma non stare lì a cambiar date per noi, mi raccomando!

  18. Una domanda, che mi torna in testa ogni due per tre.
    Quelle bottiglie di vino, bellissime e imbottigliate a mano, arrivano da un certo posto in Toscana?

  19. maite Reply

    no, no Elena viene da molto più vicino, da Maso Gallo un posto delizioso di cui parleremo presto…
    baci

  20. domenica sono stata 74ª Mostra Vini del Trentino
    Dai, scrivetene. Che sono curiosa. Bellissime bottiglie, parlerete anche di quello?

  21. maite Reply

    eh certo! anzi sai che facciamo appena rientro sui monti ci andiamo insieme, ti piacerà tutto un sacco, anzi da sbattersi per terra!

  22. Pingback: ComidaDeMama » Olive in crosta

  23. Pingback: ComidaDeMama » Fiori di pâte à quiche di Christophe Felder

Write A Comment

Pin It