Classico sì certo, ma come si direbbe in lingua food-glamour molto, ma molto comfort-food. La verità è che come lo fa lei, nonna Pina, nessuno al mondo. E non è questione di essere di parte è proprio oggettivamente vero, una di quelle verità assolute e imprescindibili che anche nel corso dell’ultima estate siciliana non abbiamo potuto che confermare.
Che poi se glielo dici quanto è buono, lei si schermisce, “guarda, é facilissimo” dice, e facilissimo in effetti sembra davvero. Però. Però sarà che i bianchi li monta a parte, sarà che le patate devono essere asciutte, sarà che lo cuoci col fuoco giusto e poi lo lasci riposare, ma insomma è buonissimo.
Anche Marta, ghiotta di carote ma anche di patate, sembra averlo molto apprezzato nel corso di una certa cena campagnola sotto il pergolato di kiwi.

La ricetta

Ingredienti

1 Kg di patate a pasta gialla
4 uova
150 g di parmigiano
130 g di burro
1 bicchiere di latte
sale
+ olio di semi e pangrattato per la teglia

Lessare le patate con la buccia in poca acqua (quanta è sufficiente a coprirle). Scolarle, sbucciarle e passarle a setaccio, incorporare il burro, poi il latte, il parmigiano e i tuorli sbattuti; per ultimo aggiungere gli albumi montati a neve ferma. Regolare di sale e versare in una teglia oliata e cosparsa di pangrattato. Infornare in forno molto caldo (accenderlo alla massima temperatura 15 minuti prima) ma abbassare subito a 80-100°C e cuocere per un’ora senza mai aprire il forno.

maite

17 Comments

  1. Che bello rivivere passo dopo passo i ricordi tramite una ricetta di una Nonna, ognuno di noi ha i ricordi e li custodisce nel proprio cuore in modo unico.. mi piace questo sformato di patate e semplice ma unico e le patate sono sempre in voga visto che le amano tutti.. a presto

  2. Mia nonna a Novi ligure lo faceva uguale. Mi avete ricordato un sacco di cose. Grazie

  3. quando le nonne ci mettono le mani nulla è più buono, non so perchè ma succedeva esattamente con le patate trifolate della mia nonnina.

  4. Ma non si attacca al fondo il parmigiano?
    Io la cospargo di pangrattato e dentro l’impasto di patate ci metto anche mozzarella e prosciutto cotto, è il piatto preferito di tutti in famiglia…
    Bacioni e ben tornati

  5. ops, ehm… @zucchero d’uva: sì effettivamente bel lapsus, era ovviamente pangrattato e non parmigiano come avevo scritto tra gli ingredienti… mannaggia la mia distrazione mannaggia

  6. Marta si è leccata i baffi con questo tortino.
    Volevo fare una battuta sull’uso delle parole in inglese che fa un po’ glamour e un po’ Alberto Sordi, ma sono tanto tanto stanca.

    Ci vediamo domenica, vi faccio fare un giro nel MAI, è molto bello.

  7. [riprendo io pure] direi di sì Elena, mia nonna non considera la cottura al vapore ma quando dice poca acqua in fondo pensa allo stesso risultato, suppongo.

  8. ragazzi nonostante vi segua da tempo è la prima volta che sento il bisogno di scrivervi. siete di un gusto squisito. una puntatina da voi è sempre una splendida pausa nelle mie giornate di lavoro.
    farò al più presto lo sformato di patate.
    grazie

  9. francesco da novara Reply

    sogno di essere invitato a pranzo da Nonna Pina!!!

  10. @angela: grazie!
    @francesco: da Novara fa un bel viaggetto, ma se te la senti ti raccomando alla nonna..

  11. Pingback: sformato di patate di nonna pina « Aggregatore Ricette Cucina

  12. fatto!! giornata di neve, ancora pochi minuti e lo sforno. sarà un bell’inizio, lo è già :)
    grazie maite!

Write A Comment

Pin It