La premessa è d’obbligo: non si tratta di marchetta, non si tratta di raccomandazione, nè di favore, la torta è stata comprata, pagata e anzi, a dire tutta la verità, è stata un regalo di papà.
Perché è in questa stagione che fiorisce il calycanthus, perché l’aria ricomincia a profumare, perché ci portiamo dentro tante cose, perché ci sono tanti modi di ricordare, perché le coccole fanno bene, perché senza diritto ma la sentiamo una cosa un po’ speciale proprio per noi.

Pasticceria Biasetto
Via Facciolati 12 PADOVA

maite, marie e il fotografo

16 Comments

  1. ma lo sapete che io prima di consocervi nn sapevo che il calicanto si chiamasse cosi? che carina la tortina..al lampone? Ma come ha fatto ad arrivare a destinazione integra?? on sballottva nella scatola?

  2. Le coccole fanno bene fin dal mattino. Anche oggi appena uscirò di casa respirerò l’ inebriante profumo del calycanthus che abita nel giardino qui accanto e non potro’ che pensare a voi. Grazie per questa dolce foto.

  3. invece io non sapevo, ‘gnurantona, che il calicanto è un fiore nè tantomeno che fosse fatto così.
    ora devo assolutamente trovarlo e scoprirne il profumo!
    buona coccola.

    ps. ma la torta aveva a che fare in qualche modo con il fiore, apparte il nome?

  4. anch’io ho imparato cosa fosse il calicanto grazie a voi… invece la pasticceria Biasetto la conosco molto bene! Decisamente ottima! Ci andavo quando abitavo a Padova! :)
    Silvia

  5. Benedetti questi papà: cocciuti e testoni come muli, ma capaci di gesti così semplici eppure così grandi. Commossa, io per voi. O anche, io con voi.

  6. Mademoiselle Manuchka Reply

    wow
    ma fanno anche le spedizioni?
    un bacio a tutti.. tutti :)

    • non so se fino a Paris, ma è pur vero che lì hai qualche altra piccola consolazione/coccola in fatto di pasticceri. Baci sparsi.

  7. Spero che papà vi abbia portato anche la Setteveli, così, per fare l’en plein… W Biasetto! E anch’io son curiosa di sapere come l’ ha trasportata.

  8. @Chiara e @Babuska: in effetti la torta è arrivata intera con pochi problemi, era solo scivolato un lampone che abbiamo risistemato prima di tagliare. La scatoletta è comoda, e credo di aver capito che incollano con poco silicone il fondo della base dorata sulla scatola in modo che la torta non trotterelli; intorno alla costola della torta c’è poi una strisciolina leggera di plastica semi-rigida, insomma si trasporta perfettamente! certo con un po’ di delicatezza, ma se ce l’ha fatta mio padre può farcela chiunque.
    @ila: viva le coccole.
    @gaia: no, a parte il nome nessun legame con il fiore e anzi sarei proprio curiosa di sapere perché l’abbiano chiamata così.
    @Silvia: da quando l’ho scoperta cerco di trasnitarci anche io e l’anno scorso la mia torta di compleanno veniva da lì, poi l’abbiamo mangiata in barca in laguna.
    @Reb: sai che si è un po’ riconosciuto quello in questione? mi ha detto “ma come fa a saperlo questa reb?”
    @Luca: anche a te Luchì
    @Milena: W
    @Babs: setteveli niente…
    @Guglielmo: serve dire che lo adoriamo quel profumo?

  9. il calicanto è stata la prima pianta che abbiam piantato nel nostro nuovo giardino. un inno alla primavera!
    un inno alle primavere del papà e a tutte le vostre che vi attendono, profumate e coccolose.

  10. Ciò che mettono sul fondo per far si che la torta non trotterelli di qua e di là è glucosio liquido, perciò anche lì la naturalezza prima di tutto :D

Write A Comment

Pin It