Anche questo è tradizionale, di casa e pure siciliano ma la verità è che questo dolce sensuale e profumatissimo è quasi un filtro magico, che dedichiamo a Luca per il suo compleanno.
Semplice e con poche pretese nella preparazione presuppone però alcune accurate attenzioni, la cura di piccoli particolari che sembrano relativi e sono invece capaci di renderlo speciale… innanzitutto i limoni: freschi, possibilmente verdi (sono più profumati) e biologici, poi l’infusione: una notte intera di meditazione, la cura nel mondare la buccia scartando la parte bianca (che è amara) e la pazienza di filtrare tutto…

… ma ne vale la pena!

Ingredienti
80 g di frumina
250 g di zucchero
1 l di acqua
la buccia grattugiata di 3 limoni (freschi, biologici e possibilmente verdi) 

Lavare i limoni, asciugarli, grattugiarne la buccia facendo attenzione a non intaccare la parte bianca (che darebbe un gusto amaro al gelo) e lasciarla in infusione nell’acqua per tutta la notte.
Filtrare l’acqua con la scorza grattugiata, aggiungere la frumina e lo zucchero facendo attenzione a non formare grumi quindi mettere sul fuoco fino alla prima ebollizione a questo punto aggiungere il succo filtrato dei tre limoni e cucocere ancora per uno o due minuti. Versare in uno stampo e lasciar raffreddare (in frigo) per almeno 3-4 ore.

Buon compleanno Luca

maite, marie e il fotografo

 

 

 

9 Comments

  1. Grazie, grazie… di cuore! Mi tocchera’ assaggiare anche questo…

  2. certo, ti toccherà! speriamo prestissimo… un abbraccio e ancora auguri

  3. Complimenti per il dolce e tanti auguri a Luca anche da parte mia!

  4. Ciao! Sono nuova qui ma complimenti davvero per il sito, è bellissimo! Anche la ricetta è bellissima e sarà di sicuro altrettanto buona, ma…. lo zucchero dove si mette?
    A presto!

  5. Cara Teresa, grazie per i complimenti e grazie soprattutto per lo zucchero! c’eravamo dimenticati di metterlo e la cosa sarebbe stata davvero troppo aspra…
    grazie ancora

  6. Scopro solo oggi questo spazio che è molto più di un blog, un atmosfera raffinata e rarefatta, ma allo stesso tempo accogliente e conviviale.

    Ragazzi, complimenti davvero.

    Michelangelo

  7. Pingback: gelo di arancia | la cucina di calycanthus

Write A Comment

Pin It