Tag

cheesecake

Browsing

cheese cake al labné

Il labné fa parte dei nostri confort food da tempi immemorabili, da quando il coinquilino palestinese di un amore veneziano lo preparava agganciando la federa al rubinetto della vasca. Da allora lo abbiamo preparato in mille occasioni, migliorando la tecnica ma con lo stesso spirito. Qui trovate la nostra versione montata che è una delizia senza mezze misure, provate e vedrete.

Ma Marie, che una ne pensa e dieci ne fa si è lanciata a immaginarne una versione a torta salata, seguendo il principio della cheese cake, aggiungendoci però un punto di colore.

Il principio è semplice ed è tutta la ricetta, preparare una base salata, fatta di grissini integrali e nocciole tritate con un poco di burro giusto per compattare. La base, come per ogni cheesecake che si rispetti, riposa in frigo per qualche ora. La parte superiore è fatta di labné montato, un poco di succo di melograno per dargli un tocco di rosa fané ed un foglio di gelatina, precedentemente ammollato in acqua.

Ingredienti


per uno stampo da circa 18 cm

per la base:
50 g di nocciole tritate
150 g di grissini integrali
60 g circa di burro

per il ripieno:
500 g di labnè montato
4 cucchiai di succo di melograno
2 fogli di gelatina da 2 g (4 g in tutto)

Per il labné (o labhneh) montato:
la ricetta è qui:
http://lacucinadicalycanthus.com/?p=12616

Tritate i grissini aggiungete le nocciole e quando il tutto sarà ben amalgamato il burro sciolto. Versate il composto sul fondo di uno stampo a cerniera foderato e livellate con il dorso del cucchiaio fino ad avere una base omogenea. Infilate lo stampo in frigorifero e dedicatevi al ripieno.

Mettete in ammollo i fogli di gelatina in acqua fredda, per circa 10 minuti. Nel frattempo ricavate il succo del melograno cercando di non ridurre la cucina a una scena splatter… raccogliete 4 cucchiai di succo in un pentolino, agggiungete due cucchiai di acqua e unite la gelatina strizzata, fate scaldare a fuoco dolce finché la gelatina non si sarà completamente sciolta. Lasciate intiepidire quindi unitela al labnè montato, incorporandola perfettamente.
Versate quindi nello stampo, livellate e lasciate riposare in frigorifero per qualche ora.

Noi lo abbiamo decorato con lo zaatar che è l’accompagnamento perfetto per il labné e con l’origano siciliano che piace tanto al Fotografo.


Nota: potete variare un poco la quantità di succo di melograno per un colore più inteno e anche la quantità di gelatina se volete una consistenza più soda.

cheese cake giapponese

È tempo di peonie, ed è tempo di compleanni, sarebbe anche primavera ma su questo punto viviamo geografie lontanissime: a Barcellona un maggio frescolino ma luminoso, a Roma un cupo novembre.

Il Fotografo non se ne fa una ragione, e ogni lunedì all’alba parte malmostoso andando incontro a cicloni, acquazzoni e soprattutto un freddo che vive come un affronto personale. Lo consola almeno un poco sapare che il mercoledì rientrerà alla base cercando di non portarsi l’acqua nelle scarpe e sempre con qualche piccolo regalo che viaggia in sù e in giù, incurante dei confini spazio temporali.

La settimana passata si portava (più o meno inconsapevolmente) questa delizia candida e sofficissima che la Marie gi ha infilato nello zaino con tutto lo stampo.

Un cheesecake (o una cheesecake che dir si voglia) ma in versione giapponese, che la Marie ha imparato però a Trastevere, propio a pochi passi da Piazza San Cosimato, in via Mameli, da Ottagoni (che è negozio di cucine ma anche luogo di corsi e presentazioni dove una volta abbiamo fatto noi una gara di crostate…).
La Marie ci va particolarmente di buon umore quando c’è Giovanni Solfrizzi della pasticceria Le Levain, che sta pure lui a pochi minuti da San Cosimato. Insomma roba giapponese ma tutta trasteverina!

Japanese Cheese cake

Per uno stampo piccolo da 15 cm di diametro

Ingredienti
50 g di latte
30 g di burro
125 g di philadelphia3 tuorli
3 albumi
la buccia di un limone non trattato
10 g di maizena
30 g di farina 00
1 g di fiore di sale
60 g di zucchero

Riscaldare il latte con il burro e la philadelphia a bagnomaria. Dopodiché fuori dalla fiamma, aggiungere i tuorli, il sale e la buccia di limone. Setacciare la farina e l’amido ed aggiungere al composto. Infine montare a neve albumi e zucchero con una consistenza ferma ma non rigida ed amalgamare i due composti senza smontarli.
Foderare in modo accurato per evitare le pieghe della carta forno.
Versare il composto nella teglia e cuocere a forno statico a 165 gradi per un’ora a bagno maria.

cheesecake al caffè e speculoos

Qualche anno fa, e nelle nostre memorie ancora fresche, il cheese-cake era roba esotica. Si era capito che aveva ascendenze americane perché qualche amica più avventurosa riportava dettagli dall’altro mondo, ma c’era pure chi sosteneva che fosse roba un po’ dell’est, o tedesca, le più acculturate rimandavano persino alla tradizione della cucina ebraica. Insomma una certa confusione alimentava il mito, proprio mentre si diffondevano, e anche quelli ci parevano un po’ oggetti oscuri del desiderio, gli stampi a cerniera. Oggi che ci abbiamo fatto l’abitudine e pare quasi che sia una tradizione sempre stata nostra, c’è spazio per lanciarsi sulle variazioni come in questo caso (ispirato dalla rivista francese Saveurs) in cui il caffè stempera un tantino il gusto a volte un po’ piatto del cheescake tradizionale e gli speculoos (ancora esotici!!) sostituiscono gli (ormai digeriti) digestive.

Pin It