.

.

.

La passione di Ilaria per le acciughe non ammetteva compromessi, dunque dopo esserci strafogate di acciughine sui crackers, occorreva trovare qualcosa che l’acciuga la santificasse nella sua essenza pura. La ricetta, anzi l’idea, si è materializzata proprio al momento giusto cadendoci addosso da un libro (come spesso succede a sostare davanti agli scaffali…) per fortuna molto sottile e perfetto per l’occasione: L’acciuga, dieci modi di pubblicato in Francia da Les Èditions de l’èpure e in Italia da Guido Tommasi Editore .
L’idea bisogna dirlo è di quelle da urlo, semplice ad averci pensato, come un sillogismo di qualche figura: se il prosciutto è salato, e sta bene con il melone dolce e bagnato, e l’acciuga è salata allora….


La ricetta
la trascriviamo pari pari tra virgolette, premessa compresa, perché anche il linguaggio di questi libretti è spassosissimo “è un’associazione stupefacente, che non ha nulla di tradizionale. Anche in questo caso, a stuzzicare il palato è il contrasto tra la dolcezza quasi insipida del melone e la forza dell’acciuga. Questo piatto è perfetto per far venire l’appetito in una sera d’estate.
Prendete delle acciughe sottolio, invece di quelle sottosale, e adagiatele su fette sottili di melone disposte a ventaglio. Pepate. Una mia cara amica ci aggiungerebbe anche foglie di basilico tritato. E farebbe sicuramente bene” Nota: noi abbiamo cambiato geometrie facendo una versione “con-le-dita” e una a insalatina (della sere mica si possono buttare i ritagli) abbiamo abbondato di pepe (anche in grano intero) e sostituito il basilico con il sesamo, ma vorremmo provare anche la menta fresca.

maite

17 Comments

  1. Mademoiselle Manuchka Reply

    m’avete fatto venire una voglia…
    voglia di mare e d’estate.

  2. La famelica divoratrice di acciughe che ha potuto sperimentare l’inaspettata ricetta, ringrazia.
    Buona giornata.

  3. Mammamia che figata sta storia dei ritratti!!! Mammamia…
    Acciuga e melone? Amore a prima vista.
    Per fortuna che ho rimediato un PC!!

  4. Non conoscevo questa collana di libri e mi interessa in particolare quella dedicata allo zenzero. Per le acciuge passo, splendide nella borsetta di Ilaria, ma crude non riesco a mangiarle :-(
    Come le presentate voi però quasi quasi vien voglia di provare.

  5. in effetti se sta bene col prosciutto!
    oggi è penso la prima volta che commento, nonostante siano mesi che vi leggo… ma l’idea mi è piaciuta troppo!
    complimenti per tutto!
    Juls

  6. Fotografare un libro è una cosa che mi crea molti problemi.
    Voi inconsapevolmente seguite l’imperativo della mia ergonoma visiva preferita, Suzanne Fischer: *Frame it!* Bravissimi.

  7. wow! Questa la proverò sicuramente, adoro anche io le alici!!! e infatti ti invidio questo bellissimo libretto! ciao! Silvia

  8. Diciamo che l’idea è temeraria ma proprio da urlo! Senza parlare della fantasiosa presentazione. Anche a me piace molto la casa editrice l’Epure, è raffinata, originale e un po’ retro’. In Francia, a volte dicono che è da snob, ma non trovo.

  9. Non sono un’amante né delle acciughe -bigoli in salsa a parte- né del melone, ma di quei gioielli nei pirottini che sembrano bignè mi sono innamorata.

  10. irresistibile!
    non ho ancora avuto il piacere di sfogliare quei libretti – ma li ho visti nel sito GT e mi sono piaciuti… a pelle :))

  11. grazie per l’idea originale da abbinare ad un pasto a base di pesce. ho preparato l’insalatina con melone, acciughe, semini di sesamo e basilico come antipasto: ho stupito il marito ed era buonissima. buon w-e!

  12. non avevo ancora finito!!! questa non c’è nella lista ALICI, l’ho trovata nell’indice delle ricette, sono una gran ficcanaso ma alla fine vengo ripagata.
    Questa è una gran figata!!!! mi ispira molto sia la menta che il basilico, quest’estate sarà un must degli aperitivi in giardino :-))
    graaaaazie
    Cris

Write A Comment

Pin It