Il gazpacho è una delle nostre passioni e ne collezioniamo di tutti i colori e sfumature. Così succede che maite chiuda il fotografo in cucina a doppia mandata per intere mattinate con una montagna di verdure sul tavolo e bilancini, misurini e alambicchi a sperimentare nuovi elisir acidulognoli. Il fotografo dimentica presto la prigionia immaginandosi nei panni del Gran Catalano, rinserrato nel suo laboratorio per sei mesi a combinare spuma di nuvole col contagocce. Per questo gazpacho i sei mesi si sono fruttuosamente addensati in 60 minuti, ma maite ne ha impiegati solo 6 per scolarsi l’intera bottiglia. Esperimento riuscito!

La ricetta

Ingredienti
300 g di ribes
4 pomodori rossi
1/4 di peperone verde
1/2 cetriolo
2 cipollotti freschi
la mollica di 2 fette di pane del giorno prima
20 cl di olio extra vergine di oliva
3 cucchiai di aceto di vino bianco (il nostro era aceto di miele)
1 cucchiaio di aceto balsamico
2 cucchiai rasi di zucchero
2 cucchiaini di sale

Sbollentare i pomodori e sbucciarli. Tagliare a pezzettini tutti gli ingredienti e metterli in una insalatiera insieme al pane e al ribes e bagnare con l’aceto. Lasciar macerare per una mezz’ora e tritare tutto nel frullatore aggiungendo l’olio. Passare in un colino per togliere i semi del ribes, e se necessario ripassare il residuo nel frullatore aggiungendo mezzo bicchiere d’acqua e filtrare di nuovo. Lasciar raffreddare in frigorifero per un paio d’ore.

il fotografo

8 Comments

  1. Mademoiselle Manuchka Reply

    fenomenale, e trés poétique, il rosa del ribes riflesso sulle nuvole del Gran Fotografo..
    on adore !

  2. non c’è che dire in un verso e nell’altro ogni vlta mi catturate con i colori le parole e i sapori immaginati!!! questo dev’essere un paradiso per il palato!

Write A Comment

Pin It