Qui è tutta una agitation! Un po’ di malattie, un po’ di guarigioni, un po’ di preparativi di partenze e di preparativi per grandi arrivi. Poi liste (molte liste), spese, zuffe, divisioni di compiti e piani d’attacco e di difesa. E perfino propositi (solo buoni). Insomma abbiamo tutta una mistica dell’agitation su cui abbiamo già un ampio curriculum.
Fra i divertimenti più agitati c’è la preparazione del vodkajello (parente più festaiolo del camparjello). La preparazione è agitata perché va fatta in fretta, in dosi da caserma, e perché azzeccare la proporzione di gelatina è questione di alchimia. Domani si ripete (una piccola dedica ad Adriana che ne va matta) e speriamo di imbroccarla anche stavolta.

Per la ricetta se ne parla più tardi, in corso d’opera, sempre che il bilancino da orefice si comporti bene.

… E ‘sti propositi? direi: mantenere sempri i nervi saldi e il controllo della situazione, destressare l’agitation e disagitare lo stress.

… e domani i propositi (sempre buoni) stano alla marie…

il fotografo

13 Comments

  1. Aspetto la ricetta allora! Sto ripulendo l’armadio degli alcolici e sono piena di bottiglie che non uso mai!!!!

    Buon Anno

    A.

  2. Pingback: vodka-jelly | Il blog di altreidee.info

  3. e non poteva mancare questo morbidoso drink secondo lo stile del fotografo…per i buoni propositi…io devo ancora conoscere uno più tranquillo di te…ti prego fai qualcosa di pazzo e schizzato!!!
    auguri!!!!!

  4. temo che sarò una delle defezioni da malattia…. qui la tosse non passa e la vodka non è ancora tra i rimedi comunemente accettati… :(

  5. Calicanti belli, vi auguro un nuovo anno meraviglioso, a tutti e tre.
    Un abbraccio forte e analcolico,
    V.

  6. Il vostro stile e’ esilarante, aspetto anche io la ricetta del vodka jelly. Buon anno a tutti!!

Write A Comment

Pin It