Non so se si è proprio capito ma non sono giorni di grande forma fisica: allo stomaco confuso si è aggiunto il mal di gola e una febbricola fastidiosa che se ne scende e se ne sale. Prima che questo post (e il blog) assumano le sembianze di un bollettino medico, o di un discorso ricorsivo tra “vecchiette” sugli acciacchi della vita, meglio virare sulla quinoa e concentrarsi sulle sue proprietà praticamente miracolose. In primo luogo sembra cereale e non lo è, poi è ricca di ogni bene, è propizia praticamente per ogni cosa e, non da ultimo, è facile. Facile da cucinare, facile da condire, facile  da associare, a freddo e pure a caldo.
In questa versione primaverile sta insieme al baccalà (semplicemente lessato), al citron confit, all’uvetta e a poco porro affettato sottile. Inutile dire (forse) che c’è chi ha mangiato questa versione leccandosi i baffetti e chi si è accontentata di un grado zero, buono per carità, ma meno festoso… sigh

La ricetta

Tenere a mollo il baccalà, già ammollato fino al momento di utilizzarlo, cambiando una due volte l’acqua. In una pentola alta versare abbondante acqua, salare leggermente aggiungere due foglie di alloro e (se le avete) le foglie verdi del porro, quando il brodo bolle immergere il baccalà e far cuocere per una mezz’ora circa, o comunque finché la carne del pesce non comincia a staccarsi. Spegnere e lasciarlo raffreddare nell’acqua stessa di ebollizione.
Preparare la quinoa. Sciacquarla sotto il getto di acqua fredda tenendola in un colino a maglie strette (calcolare circa 80 g a testa), quindi lessarla in poca acqua leggermente salata (sarà circa il doppio del volume della quinoa). Dopo circa 15 minuti i chicchi di quinoa si aprono e si separa la codina bianca, spegnere scolare con cura e allargare la quinoa su un piatto da portata in modo da farla raffreddare. Una volta fredda mescolare la quinoa con il citron confit affettato sottilissimo, l’uvetta sultanina (precedentemente ammollata) e il porro affettato, sottile, condire con olio extravergine di oliva e lasciar riposare qualche minuto. Al momento di servire unire il baccalà sfilettato e dislescato.

maite

17 Comments

  1. e’ a dir poco favolosa, al primo giro al super compro la quinoa e provo la vostra ricetta

    ciao

  2. Ho fatto il baccalà domenica, secondo la tradizione veneziana, e questa versione in insalata è davvero molto intrigante. Grazie!

  3. io uso spessissimo la quinoa, perchè come dici tu è facile, veloce e cosi particolare e fa pure bene! Il citron confit nn mi piace ma per il resto ci vado a nozze con questo piatto..ecco forse l’unica cosa che farei è saltare in padella velocissimamente il porro col baccalà..ma in effetti forse poi si perde la freschezza del tutto. Quindi meglio come hai fatto tu ;) Per la cronaca: mi hai CONTAGIATAAAA!! Si, son anch’io a letto con mal di pancia, nausea fortissima, mal di testa, cervicale, ossa a pezzi, febbre..e vabbè, passerà!

  4. buona, ho giusto giusto una confezione di quinoa da mesi nella dispensa che non sapevo come usare…grazie!

  5. sul mal di gola consiglio vivamente ma molto vivamente il vino cotto..
    se non ne hai fai un fischio che qui dalla terra del sole ne spediamo un vasetto..

    la ricetta mi pare bellissima, i gusti sono assolutamente i miei e quindi sono felice di annotarla..

    chiedo una cosa..
    ma i citron confit.. dopo averli messi sotto sale per 1 mesetto.. che si fa?

    baci baciuzzi..

    valuzza

  6. Questa ricetta è meravigliosa! Amo moltissimo il baccalà e la quinoa… perfetto pranzo per me!
    ps
    se può consolati io mi prendo almeno 5 influenze l’anno con febbri dai 38 ai 40. 1 con le placche in gola, 1 intestinale, 1 per lo stomaco, 1 solo febbre violenta e 1 estiva che nessuno capisce… e lo stesso si ripete OGNI ANNO!

  7. il bollettino medico serale segnala situazione in miglioramento, per fortuna (e pure speriamo!)
    grazie a tutti per gli auguri,

    @Chiara: mi dispiace moltissimo di averti “contagiata” via telematica, ma avevo il sospetto che questa volta fosse una cosa più seria del solito… in ogni modo coraggio: stai a letto, buona buona e bevi molto!

    @valuzza: grazie! per i citron ti dò una notiziola un po’ triste, un mese è un po’ pochino, la mia prima produzione ha macerato un anno… ehm

    @giovanna: uh signur, certo sei metodica.

    e infine sì, Elena che ci ha scovato ha ragione: siamo su Grazia di questa settimana in buona compagnia con altre blogger
    PS però della foto non è che saremmo proprio proprio felicissime…

      • no, no per quelli non ci sono precedenti, ma ho guardato ieri quelli in dispensa e mi pare che ancora non ci siamo…. ci vuol pazienza.

        • aspettiamo aspettiamo… per i limoni allora se ne parlerà l’anno seguente..
          c’è un solo perché: sono decisamente impaziente. mi tocca diventarlo..

          grazie e sempre grazie..

          • io voglio vedere la foto su grazia!!!! la si puo’ trovare in rete da qualche parte ?

    • La foto su Grazia: ma come non siete contente? è gioiosa, avete un sorriso stupendo! Siete belle!!

  8. Pingback: insalata di quinoa e baccalà | Il blog di altreidee.info

Write A Comment

Pin It