In due in cucina a volte si è davvero troppi.
Così in un giorno di tregua lavorativa (che di questi tempi sarebbe di per sè un lusso da far girare la testa) si è acceso un dibattito teorico-pratico sul condimento di certi tagliolini. Fragole o fave? verde o rosa?
Prima di venire alle mani (o ai coltelli) si è salomonicamente deciso di fare a metà, o meglio di fare tutte e due, versione rosa e versione verde. Inutile dire che ognuno è rimasto sulle sue posizioni.

La base è la ricetta dei tagliolini al limone del fotografo cucina da single insomma, declinata un po’ più chic e vagamente ottanta per quelli alle fragole e un po’ più finto-rustico novanta per quella con le fave.

la ricetta

ingredienti
4 piccoli cipollotti freschi
un limone non trattato
un bicchiere di vino bianco
4 cucchiai di crema di latte
200 g di fragole e/o 200 g di fave fresche
sale, pepe
linguine all’uovo

Far appassire i cipollotti tagliati a rondelline sottili in una padella con un po’ di vino bianco e un po’ d’acqua. grattuggiare la buccia di limone e spremere il succo. Quando la cipolla comincia ad ammorbidirsi aggiungere il limone e, far cuocere ancora un po’ aggiungendo ancora del vino se necessario, e la crema di latte, salate.
schiacciare con la forchetta le fragole fino ad ottenerene una crema.
Cuocere le linguine e scolarle avendo cura di conservare un po’ di acqua di cottura. Rippassate a fuoco alto nella padella aggiungendo la purea di fragole e, se necessario, un cucchiaio di acqua di cottura. Mescolare bene e servire.

in alternativa:
Far appassire i cipollotti tagliati a rondelline sottili in una padella con un po’ di vino bianco e un po’ d’acqua. grattuggiare la buccia di limone e spremere il succo. Quando la cipolla comincia ad ammorbidirsi aggiungere il limone e, far cuocere ancora un po’ aggiungendo le fave sbucciate e la crema di latte, salate.
Cuocere le linguine e scolarle avendo cura di conservare un po’ di acqua di cottura. Rippassate a fuoco alto nella padella aggiungendo la purea di fave e, se necessario, un cucchiaio di acqua di cottura. Mescolare bene e servire.

13 Comments

  1. Bonjour,

    Comme je l’ai déjà dit j’adore votre vaisselle et ces assiettes ( ci-dessus) sont superbes !
    j’ai un faible pour le taglioni vert ( fève et citron) de votre recette !
    j’imagine délicate et savoureuse cette association
    je vais à Rome le 3 mai prochain !
    j’y viens le plus souvent possible et j’ai un rdv avec le directeur de la Villa médicis et nous restons aussi pour le plaisir !
    j’ai quelques adresses préférées mais si vous avez des idées ou actualités liées à votre blog je serai ravie et vous remercie d’avance
    sincèrement
    Elisa

    • Bonjour Elisa, on arrive trop tard je crois… hèlas! mais la prochaine fois pourquoi ne se boire un coup ensemble?

      • oui je serais très heureuse de vous rencontrer à Rome
        nous venons de rentrer il y a deux jours
        ce fut comme chaque fois superbe et Rome è stupenda
        un peu difficile de quitter cette ville
        à très bientot donc
        Elisa

  2. Se faccio la versione fave con l’avocado al posto della crema di latte, faccio un pasticcio?

    • Daniela io proverei, non mi pare male, solo non so se le povere fave si spengano troppo con l’avocado, fronte colore mi pare però impeccabile. facci sapere. baci

      • In effetti le povere fave hanno un pò sofferto, ma buonissimo comunque. Grazie, di tutto, come sempre! Un abbraccio (anzi:4)

  3. sicuramente da provare!! ma questi magnifici piatti dove si possono trovare?

Write A Comment

Pin It