Tag

alloro

Browsing

dolcetti alla farina di castagne e alloro

Gli stampini in silicone di questi dolcetti erano talmente seduttivi e femminili a vedersi che il fotografo ha indugiato parecchio nel ritrarli… veniva così da chiedersi se non fossero ideali per un omaggio a Catania e alla sua Santa, Agata, il cui martirio ha dato origine a dolci particolarissimi di cui ignoriamo la ricetta ma ricordiamo bene la forma, o anche, pensavamo, potevano essere perfetti per provare a replicare i capezzoli di Venere, dolci che la leggenda (anche cinematografica) vuole Salieri portasse da Legnago alla corte austriaca.
Insomma un po’ confuse abbiamo cominciato a  impastare farina di castagne con farina bianca, abbiamo aggiunto burro, zucchero, cioccolato, nocciole e  poi alla fine una foglia di alloro per ciascun dolcetto, ne è venuta fuori una cosa deliziosa, che perde un po’ in femminilità ma non rischia di stuccare.

spaghetti ubriachi

Abbiamo perso un’ora di luce e ne abbiamo guadagnata una di sonno… le cuoche sono malmostose il fotografo confuso…
Per consolarci un po’ tutti e obnubilarci nell’alcol abbiamo rispolverato una ricetta mangiata e imparata molti anni fa in una osteria fiorentina proprio vicina vicina a casa di Maite. All’Osteria dei Benci, al numero 13/r dell’omonima strada, gli spaghetti li cuociono all’ubriacona, vale a dire proprio nel vino, rosso naturalmente, tanto da tingerli di viola e aromatizzarli in modo inconfondibile. Così abbiamo fatto anche noi introducendo però alcune piccole modifiche, qualche variazione stilistica e soprattutto aromatica: cipollina fresca, fiori di finocchio e timo.

minestra di patate e latte (con sale alla malva e alloro)

La settimana, si è capito, è votata al latte. Sarà l’arrivo di un autunno in verità ritardatario, sarà la recente scoperta di un distributore automatico vicino casa dove “mungere” 24h/24, sarà che si presta a declinazioni di ogni ordine e misura, dal molto-semplice all’ultra-complicato, dal dolce al salato passando per le vie di mezzo…
Questa qui, poi, più che una ricetta è una risorsa, da tirare fuori quando si ha voglia di qualcosa che coccola tanto e costa poca fatica, che riconforta come una coperta perfettamente calda, perfettamente lunga, perfettamente giusta.
Una sola avvertenza per questa minestra che è facilissima: bisogna farne sempre tanta, perché a nessuno restino i piedi scoperti…

involtini di graziella

Questi involtini sono più conosciuti con il nome di “involtini alla messinese”, ma poiché ogni famiglia segue denominazioni proprie che inseguono le specializzazioni personali, questi involtini sono noti (nella famiglia di maite) come involtini di zia Graziella. In questa versione “sofisticata” che utilizza fettine molto sottili e piccoline, gli involtini sono anche spiedini: più facili da cucinare (e da servire) oltre che più carini!

Pin It