Tag

amaranto

Browsing

polpettine di amaranto, colatura di alici e capperi

 

Lo avevamo detto: l’amaranto rischiava di darci alla testa. Versatile, facile, croccantino, con un sapore leggermente tostato si presta a diventare polpetta, così dopo quelle al pollo, ci siamo dedicati a una versione più marina e già che eravamo in vena di sperimentazioni abbiamo provato a dosare la preziosa (ma difficile!) colatura di alici arrivata nel pacco-dono della Garofalo di cui parleremo in dettaglio.
Il fatto è che la colatura ha un colore affascinante, ma un odore (tosto!). Così partiti entusiasti dell’idea di provare a usarla, ci siamo inibiti strada facendo. L’amaranto ci ha soccorsi: ha un’anima da cereale (benché non lo sia propriamente per famiglia di appartenenza), è quindi in grado di assorbire un odore forte e di ammansirlo senza schiacciarlo, ha un sapore neutro ma non piatto, una consistenza modulabile, dunque valeva la pena di provarci. 

polpettine di amaranto, pollo e noce moscata

 

Siamo fans dell’amaranto scoperto, come dicevamo, da poco e sotto casa (http://www.mandacaru.it/), e come spesso accade quando si scopre una cosa nuova lo metteremmo dappertutto. Così, dopo esserci cimentati con la zuppa, e in attesa di osare provare a farne pop corn, ci siamo lanciati sulle polpette. 
In questa prima versione all’amaranto abbiamo mescolato il pollo usato per un brodo, una patata per dare consistenza, poco latte per dare morbidezza, noce moscata e scalogno crudo per dare carattere, un uovo perché ci vuole.
Le polpettine sono venute spettacolari, ma soprattutto ci ha colti una specie di ebrezza creativa: con quante altre cose si possono impastare le polpette di amaranto?

zuppa di amaranto, zucca e porri

Sarà pure l’estate di San Martino che dovrebbe tenerci al calduccio sotto mezzo mantello, ma qui la voglia di zuppette comincia a farsi sentire crescente… ecco allora che i mestoli si susseguono, uno dietro all’altro, tutti in fila indiana, rassicuranti e colorati (oltre che sanissimi) perché, come dice Anne-Catherine Bley: la zuppa è tante cose ma di certo non è triste! 
Dopo quella verdissima-residuale questa zuppetta qui è un po’ sperimentale perché per la prima volta ci siamo cimentati nell’utilizzo dell’amaranto, un quasi-cereale antichissimo ed esageratamente ricco di virtù che grazie al commercio equo e solidale abbiamo reperito letteralmente sotto casa.   
Il risultato è stato sorprendente e l’idea è quella di ripetere (con la verza?) al più presto, insomma quello che si annuncia ha tutta l’aria di essere un inverno pieno di mestoli!

Pin It