Tag

cucuzza lunga

Browsing

minestra di cucuzza lunga 2 (con piacentino e limone confit)

Ieri avevamo messo le mani avanti per annunciare che, per qualche giorno, questo blog avrebbe sofferto di nostalgie estive, soprattutto che qui, tra le montagne, è ripartito un grigiore che illanguidisce (non soltanto il gatto). Ci(mi) manca un po’ il sole, la luce e un ritmo disteso altezza amaca che considera(va) tra gli impegni della giornata giusto il mare, il sonnellino e il cinema all’aperto. Pazienza, convinciamoci che ogni stagione ha il suo piacere pensando che presto mangeremo funghi, che (forse) faremo in tempo ancora per gli ultimi mirtilli, ritrovando la prima copertina e sapendo di poter riaccendere il forno con piacere.

Ma tra i ricordi dell’album delle vacanze (e anche nel pacco di cose trasportate via nave+auto) c’è ancora (verdissima e pure un tantino ingombrante) la cucuzza lunga, quella specie di zucchina gigante che compariva ieri tra tra le cartoline degli orti estivi, insieme a pomodori, basilico, gatti e cavoli trunzi (e di questi ne riparleremo). La minestra di cucuzza lunga è una delle faccende più tipiche della cucina siciliana di campagna e infatti ne avevamo già parlato l’anno scorso. Quest’anno però ci siamo dati alle variazioni utilizzando il piacentino al posto del pecorino pepato e soprattutto sostituendo il sale con il limone confit: risultato profumato, delicato e pieno di estate… (sigh).

Zuppa di cucuzzalunga (zucchina lunga)

Zucche (tra poco…), zucchine e zuccotte: la famiglia è più nutrita di quanto si possa sospettare…
di zucchine ce ne sono di “normali”, di tonde e di spinose, questa qui è lunga e verde chiaro, si usa molto in Sicilia (da lì viene il nome di cucuzzalunga) ma in questo periodo si trova praticamente in tutti i mercati di Roma.
La ricetta è di tradizione, nel senso che la nonna Pina la cucina tutte le estati per l’intera stagione: la cucuzzalunga è infatti estiva e acquosa, nella minestra fredda è saporita, dolce e persino dissetante.

Pin It