Tag

spinaci

Browsing

La minestra dei forti

Sono stati giorni concentrati e lenti, con un tempo misurato dalle esigenze del corpo, quel filo scontato e teso che sembra funzionare quando non lo avvertiamo ed esistere solo quando si impunta nel chiedere attenzioni.
Sono stati, e sono, gorni di passi piccoli in cerca di nuove routine, fuori dalla nostra abituale vita acrobatica tra Roma e Barcellona, ma con acrobazie diverse e spericolate avventure. Siamo tornati a passeggiare nell’inverno trentino proprio quando è rifiorito il calycanthus e a concentrare le cure su cose minute ed essenziali, quelle di sempre in fondo, mangiare, dormire, starsi accanto e insieme.

pesto di spinaci crudi

Ecco, se poi proprio ve ne avanzasse qualche foglia di quegli spinaci di ieri, diciamo una tazza o giù di lì, non serve che li lessiate che infondo si mangerebbe assai poco ma così come stanno (giusto ben puliti) li mettete nel bicchierone del frullatore e aggiungete un poco di feta greca, ma anche se lo avete di caprino morbido. Bagnate con olio extravergine di oliva in quantità adeguata e ci condite la pasta, verde, verdissima pure lei per fare tiè a questo tempo di un grigio indifendibile.

insalata di calamari, spinaci e marmellata di arance

E così ieri era primavera ed oggi non più, almeno a Roma nel giro di un week end siamo stati illusi e disillusi: sabato sole di maggio, domenica notte tormenta. E pensare che pure il freddolosissimo Fotografo aveva tolto almeno uno dei suoi strati invernali arrischiandosi ad uscire per la seconda colazione addirittura in solo maglione e giacchetta… pazienza, ricominciamo ad aspettare, non proprio proprio sereni visto l’annuncio della Pasqua più gelida degli ultimi 50 anni.
Ma tant’è, in attesa di impastare la pastiera e con l’illusione non ancora tramontata di andarsene in giro a raccogliere erbette selvatiche  (che sarebbe pure tempo, mescolando i dialetti, di bruscandoli-luppolo, cannatella-silene, poppole-rosoline) è saltata fuori questa insalata che è ancora un po’ a cavallo tra l’inverno e la stagione più mite. La ricetta in sè è praticamente solo un’intuizione: la marmellata di arance può servire come salsa…

crostatine di spinaci alla catalana

A fare bene si dovrebbe dire spinaci all’ampurdanesa, secondo Sergi della libreria “know food” di Barcellona che ci ha raccontato, e regalato, la ricetta. Ma per noi Sergi è soprattutto Barcellona e ancor di più il microcosmo cosmopolita e brulicante di Gracia, quindi in uno sforzo metaforico-metonimico abbiamo tirato dritto e sintetizzato in “spinaci alla catalana”.
Curiosi di tradurre in cibo la sua ricetta detta in parole abbiamo seguito le istruzioni alla lettera, di nostro ci abbiamo aggiunto semplicemente la declinazione a crostatina, con tanto di gratella sottile ma senza formaggio, senza uovo… solo spinaci, uvetta, pinoli e sapienza catalana!

Pin It