Avere un blog di cucina, diciamocelo, comporta pure qualche rischio. Si mangia tutto freddo, si sviluppa una sensibilità esasperata per stoviglie, tovagliette, sfondi e cucchiaini, si tende a non cucinare mai due volte la stessa cosa, si annoiano gli amici, oppure, addirittura, qualche volta li si contagia.
E così che l’altra sera siamo stati a cena da Silvia&Cori, amici carissimi che seguono e subiscono le peripezie alimentari calicante praticamente da quando sono cominciate. Noi abbiamo portato le luci, uno sfondo e la macchina fotografica loro ci hanno nutrito, coccolato, ospitato, sostentato, mettendoci a disposizione ricetta indonesiana, piatti indonesiani e molta pazienza.

Il nasi goreng è un piatto indonesiano molto tipico e per questa stessa ragione declinato in mille e una variazione, proprio come nella nostra cucina regionale. Letteralmente significa riso fritto e necessita di un particolare mix di spezie che avevamo riportato da un magnifico negozietto di Amsterdam e regalato (in modo un po’ interessato…) a Silvia.
Grazie dunque per l’esecuzione, per l’ospitalità e pure per aver scritto la ricetta!

Ingredienti (4 persone, abbondante)
Riso:
300 gr riso basmati (o riso a chicco lungo)
600 ml acqua
5-6 bacche di cardamomo
Pizzico di sale

Nasi goreng:
2-3 cucchiai di olio
2-3 cucchiai di misto spezie
2 cucchiai di salsa di soia dolce (Kecap manis è meglio)
150 gr gamberetti precotti
3 cipollotti freschi (la parte verde)
4 uova (una a testa)
Cetriolo e pomodoro per accompagnare

Preparazione del riso (il giorno prima)
Lavare il riso e cuocerlo in una pentola insieme all’acqua, poco sale e il cardamomo. Appena bolle l’acqua coprire la pentola con il coperchio e abbassare il fuoco. Far sobbollire fino a quando l’acqua è evaporata (8 minuti). Una volta spento il fuoco lascia intiepidire il riso nella pentola (15 minuti) per poi distribuirlo su un piatto piano, grande, precedentemente oliato. Lasciar raffreddare e poi metterlo in frigo per tutta la notte.

Ricetta
Scaldare un po’ d’olio nella padella (o wok) e poi sciogliere il misto di spezie. Aggiungere il riso (prima vanno separati i chicchi aiutandosi con il dorso del cucchiaio per rompere i grumi), mescolare e poi aggiungere la salsa di soia dolce (o meglio Kecap manis, salsa di soia dolce indonesiana) e girare. Se lo si vuole un po’ più salato aggiungere poca salsa di soia (quella non dolce).
Aggiungere i gamberetti precotti e le rondelle del verde dei cipollotti freschi. Mescolare bene, far cuocere un altro po’ e poi spegnere. Servire con un uovo fritto sopra e guarnire con qualche verdura fresca (fettine di cetriolo e pomodoro, foglie di lattuga) e qualche nuvoletta di gambero. A parte si può preparare una salsetta di salsa di soia dolce, peperoncino e lemongrass da aggiungere a piacere..

10 Comments

  1. Non conoscevo il nasi goreng e mi ero persa anche il pdf con i menù di natale! grazie, grazie :)))

  2. Le bacche di cardamomo vanno praticamente lessate in acqua?..non sono mai riuscita a ricavarci niente, scusami, ma sono completamente estranea all’uso del cardamomo! :) e dire che le trovo spesso in torrefazione e vorrei tanto combinarci qualcosa!:)

    • sì, sì chiara assieme al riso, ed è una cosa che io faccio spesso anche quando cucino il basmati nudo e crudo e lo mangio detox. prova.

  3. E’ vero, essere foodblogger cambia la prospettiva con la quale guardi ogni piatto, ogni preparazione.
    Il nasi goreng l’ho sempre mangiato, mai preparato. Grazie per la ricetta e per le vostre precise indicazioni :)

    Buon lunedì, buona settimana!

    Agnese

  4. Quanto vorrei ci fossero ancora i dagherrotipi da racchiudere in un pendant: questa immagine, immortalerei e porterei a zonzo con me, sempre

  5. una sana risata non fa mai male: condivido il mangiare freddo e la passione esasperata per le tovagliette!!!!
    bellissimo il nasi goreng..mi ha sempre attirato la ricetta!

  6. Pingback: satay babi – la cucina di calycanthus

  7. Io adoroooooo sia il bami che il nasi goreng! che bello il tuo con questo ovetto… proverò la tua versione! Passo a farti un saluto e a dirti che mi sono trasferita su un nuovo blog, se vuoi passare http://www.darkchocolate.it
    A presto

Write A Comment

Pin It